I Lions consegnano alla città di Chiavari cicalini per l’attraversamento e targhe contro gli abusi

Stamattina la cerimonia di consegna

Stamattina la cerimonia di consegna dei due due impianti semaforici con cicalino per non vedenti acquistati dal Lions Club Chiavari Host e Lions Club Chiavari Castello con i proventi del concerto al buio. Ci sono anche otto targhe per i posteggi riservati: ‘Se prendi il mio posto prendi anche il mio handicap’.

Cerimonia ufficiale stamattina nell’aula consigliare di Chiavari per la consegna dei due impianti semaforici con cicalino per non vedenti acquistati dal Lions Club Chiavari Host e Lions Club Chiavari Castello con i proventi del concerto al buio tenutosi in aprile all’auditorium San Francesco. Presenti il sindaco Marco Di Capua, socio del club Chiavari Host, i presidenti dei club Chiavari Host Gianluca Onori e Chiavari Castello Corinna Garibotto e il cantante e presidente dell’Unione Italiana Ciechi e ipovedenti di Chiavari Nicolò Pagliettini. I due impianti saranno collocati nell’attraversamento tra corso Millo e corso Genova, all’altezza del parco giochi, e in corso Garibaldi, lato stazione: “L’intenzione – ha spiegato Corinna Garibotto – è poi dotare tutta la città di impianti come questi”. “E’ una giornata storica per Chiavari – ha detto Pagliettini  – sembra semplice attraversare la strada, ma per chi non vede non lo è: le tecniche dicono di attendere la pausa di silenzio assoluto, che difficilmente c’è, quindi si attraversa rischiando, oppure facendosi accompagnare da qualcuno. Il cicalino è un per la conquista dell’indipendenza di non vedenti e ipovedenti: in futuro non vorrei più dover sentire di persone non vedenti che non escono di casa perché la città non è pronta ad accoglierli”. Oltre al cicalino, che entrerà in funzione solo a chiamata, i Lions hanno intrapreso un’iniziativa volta a contrastare l’abuso dei parcheggi riservati ai disabili: “Abbiamo realizzato otto targhe da posizionare nei parcheggi riservati con la scritta ‘Se prendi il mio posto prendi anche il mio handicap’, in modo che chi posteggia dove non dovrebbe sia portato a riflettere sulle proprie azioni” ha commentato Gianluca Onori. Due targhe sono già state installate nei pressi del palazzo comunale, le altre, così come i cicalini, saranno posizionate a breve.