Levaggi con i lavoratori Italgas: “Contatterò l’azienda”

La sede del comune di Chiavari

Sempre da Palazzo Bianco: Maggio difende la scelta di Chiavari all’ultima riunione sulla gestione idrica. Leoni critica Piombo: “L’amministrazione non rispetta le sue promesse elettorali”.

Il sindaco di Chiavari, Roberto Levaggi, si impegna a contattare la dirigenza dell’Italgas, per chiedere di non chiudere la sede di Chiavari. Lo fa dopo l’incontro, avvenuto ieri, con i lavoratori di questa sede, preoccupati del trasferimento: la lettera sarà inviata alla dirigenza territoriale,a quella del nord – ovest e a quella nazionale. Invece, sempre dal Comune di Chiavari, l’assessore al ciclo delle acque, Fiammetta Maggio, difende l’emendamento che ha definito come il debito dei Comuni verso Iren debba essere ripianato “secondo una programmazione finalizzata a evitare aumenti tariffari o comunque a garantire l’adeguata sostenibilità della tariffa da parte dell’utenza”. “Se l’astensione di qualcuno – dice Maggio, con riferimento a Lavagna e Santa Margherita – è stata determinata dalla non chiarezza dell’emendamento, forse altri avrebbero potuto presentarne uno più aderente agli obiettivi comuni”.

 

Intanto, sempre a Chiavari, dall’opposizione, Valeria Leoni critica, invece, il vice sindaco Pierluigi Piombo, con riferimento alla parte del programma elettorale delle sua lista sui corsi di ginnastica vertebrale: “Aveva preso l’impegno di far pagare dieci sedute di ginnastica vertebrale preventiva 20 euro, anziché 30, come era sempre stato – ricorda Leoni -. Inoltre, sono stati soppressi i corsi per ragazzi di età tra 7 e 17 anni, che Piombo, in campagna elettorale, aveva promesso di mantenere”.