Lavagna, scenario apocalittico per l’esercitazione di protezione civile del Com

L'esercitazione Mosè a Lavagna in Comune
L’esercitazione Mosè in Comune a Lavagna

In mattinanta la simulazione dei soccorsi per un’autocisterna sul ponte della Maddalena, una frana alle gallerie di Sant’Anna a Sestri, un albero caduto sulla linea ferroviaria a Cavi e una barca in avaria al largo: il tutto gestito dal centro operativo allestito nella palazzo comunale di Lavagna fra Com e Coc.

Esercitazione stamattina a Lavagna, sede del Com, Comitato Operativo Misto coordinato dal Vice Prefetto di Genova e che coinvolge forze dell’ordine, vigili del fuoco, protezione civile regionale, Croce Rossa e 118. Lo scenario ipotizzato per l’esercitazione di protezione civile chiamata “Mosè”, riguardava il ribaltamento di un’autocisterna sul ponte della Maddalena con conseguente sversamento di gasolio nell’Entella in piena, una frana all’altezza delle gallerie di Sant’Anna a Sestri Levante, un albero caduto sulla linea ferroviaria all’altezza della stazione di Cavi di Lavagna e una barca in avaria al largo del Golfo del Tigullio. Il Com è stato allestito nella sala del consiglio comunale di Lavagna, mentre nella sala giunta invece era operativo il Coc, il centro operativo comunale. L’obiettivo della simulazione, che non ha avuto alcuna ripercussione sui cittadini, era di testare la macchina dei soccorsi in un’eventuale situazione di emergenza ambientale, verificare la prontezza delle risposte con riguardo alle diverse catene di comando e la tempistica degli interventi di soccorso.