Lames e Atp, le proposte di Capurro e Cervini

Il consigliere comunale Emilio Cervini
Il consigliere comunale Emilio Cervini

Chiedere una fideiussione a garanzia del mantenimento dei posti di lavoro da parte dell’azienda di Chiavari, diminuire la previsione di pagamento dei creditori per quella del trasporto pubblico locale.

Lames e Atp sono i grandi temi di dibattito politico, in queste ore, nel Tigullio, dopo che l’azienda di Sampierdicanne ha annunciato la procedura di concordato preventivo e mentre quella del trasporto pubblico l’ha già avviata da tempo. A Chiavari, venerdì prossimo, 3 gennaio, si svolgerà una riunione dei capigruppo del consiglio comunale per affrontare i due temi. “Autorevoli esponenti sindacali che oggi si dicono preoccupati della situazione della Lames – sottolinea Emilio Cervini, consigliere di minoranza a Chiavari – nelle scorse settimane mi accusavano di strumentalizzazione politica per le mie richieste di chiarimenti”. Così – aggiunge – abbiamo dovuto assistere in silenzio anche alla presa in giro della consegna da parte della proprietà di un Programma industriale triennale ridicolo, condensato in due paginette prive di qualunque serietà programmatica e finanziaria”. Cervini si dichiara d’accordo con il consigliere regionale e presidente del consiglio comunale di Rapallo Armando Ezio Capurro, che, nei giorni scorsi, si era pronunciato sui due temi. Quanto alla Lames, Capurro suggerisce al sindaco di Chiavari, Levaggi, di farsi rilasciare una fideiussione bancaria o assicurativa che garantisca “un milione di euro per ogni posto di lavoro che venisse ridotto a Cicagna, rispetto a quelli attuali di Chiavari”. Sul fronte Atp, invece, è critico rispetto al piano finanzirio che prevede un pagamento al 73% dei creditori chirografari, “in presenza – sottolinea Capurro – di un concordato che fissa un valore dei chirografari al 40%”. In questo modo, infatti, risulterebbero danneggiati i lavoratori, a cui è stato tagliato lo stipendio, ed i Comuni soci, chiamati ad aumentare i propri contributi per coprire le spese.