L’allerta rosso svuota le città del Levante

Si temono le piogge forti e persistenti
Si temono le piogge forti e persistenti

Durante la notte e nelle primissime ore del mattino, però, non si sono ancora registrate piogge significative. I Comuni hanno chiuso scuole e luoghi pubblici e in giro c’è poca gente.

E’ una atmosfera surreale, quella che si avverte in tutto il Levante ligure, in questa giornata che è la prima con allerta meteo rossa, entrata in vigore alle 3 e prevista, al momento, sino alla mezzanotte. Ovunque, sono chiuse le scuole, così come parchi e giardini, musei, cimiteri, e vengono sospesi i mercati, gli spettacoli e gli eventi sportivi. Ogni singolo Comune, poi aggiunge prescrizioni, come i divieti di permanenza sul LungoEntella per Chiavari e Lavagna, nei sottopassi ancora di Chiavari, sulla passeggiata a sbalzo di Paraggi e sulla diga foranea per Santa Margherita, mentre Rapallo tiene sollevato il ponte mobile Dall’Asta, nei pressi di piazza Cile. Per Chiavari, è l’esordio della nuova ordinanza che stabilisce anticipatamente i comportamenti da seguire in base ai vari gradi di allerta: con il rosso, viene vietata esplicitamente la permanenza nei locali sotto strada nell’ampia zona rossa cittadina, il che dovrebbe di fatto chiudere almeno un paio di attività commerciali.  Intanto, nella notte e nel primissimo scorcio di giornata, solo piogge abbastanza isolate e, per fortuna, poco intense.