Inaugurato a Recco il centro antiviolenza intitolato a Martina Rossi

IMG-20220513-WA0040

È stato inaugurato questa mattina, a Recco, il centro antiviolenza intitolato a Martina Rossi, la studentessa genovese morta in Spagna undici anni fa mentre, come chiarito dagli ultimi esiti processuali, tentava di sfuggire a una violenza di gruppo.

La nuova struttura di via XX Aprile,  è gestita dal Centro Per Non Subire Violenza (da Udi) APS, associazione che lavorerà in rete con i servizi territoriali. Presenti all’inaugurazione, oltre al sindaco di Recco Carlo Gandolfo, l’assessore regionale Simona Ferro, Bruno e Franca Rossi, genitori di Martina, il colonnello Gianluca Feroce Comandante Provinciale Carabinieri di Genova, l’assessore di Camogli Italo Mannucci, l’assessore di Bogliasco Paola Mangini, la presidente Elisa Pescio e gli operatori del centro nato per essere vicino alle donne che subiscono violenza.
L’appartamento, concesso dall’attuale amministrazione comunale in comodato d’uso gratuito al “Centro per non subire violenza onlus”, va a potenziare l’attività  dello sportello in aiuto delle vittime di violenza e ai loro figli, già operativo a Recco. L’iter per la creazione del presidio di accoglienza fu avviato a dicembre 2019.
Il Centro, che ha ricevuto un finanziamento regionale di 36mila euro, garantirà l’apertura di cinque giorni a settimana avvalendosi esclusivamente di personale femminile costantemente formato sulla violenza di genere.