Il Tigullio ricorda la strage di Nassiriya 15 anni dopo

Nassiriya
La cerimonia di Rapallo

A Rapallo c’è stata una cerimonia, il Comune di Chiavari ha invece diffuso un messaggio commemorativo. In Regione Muzio e Vaccarezza vogliono dedicare alle vittime uno spazio.

Anche nel Tigullio oggi si ricordano le vittime della strage di Nassiriya, avvenuta esattamente 15 anni fa, che costò la vita a 12 carabinieri, cinque militari dell’esercito e due civili italiani. A Rapallo una cerimonia si è tenuta presso la lapide collocata nella piazzetta attigua alla chiesetta di Sant’Anna. Erano presenti il sindaco Carlo Bagnasco, il suo vice Pier Giorgio Brigati, il presidente del consiglio comunale Mentore Campodonico, il consigliere regionale Alessandro Puggioni ed i consiglieri comunali Walter Cardinali e Anna Baudino. Il capitano Simone Clemente, comandante della Compagnia dei carabinieri di Santa Margherita Ligure, ha letto i nomi delle vittime dell’attentato. Ricorda le vittime della strage anche l’amministrazione comunale di Chiavari. “E’ l’occasione per riflettere e ricordare tutti i militari italiani impegnati in azioni di pace per riportare la sicurezza e rafforzare le istituzioni in zone di crisi diffusa – si legge in una nota diramata da Palazzo Bianco – Un momento importante per richiamare alla memoria il più grave attacco subito dall’esercito italiano dalla fine della Seconda Guerra Mondiale”. I consiglieri regionali di Forza Italia Claudio Muzio ed Angelo Vaccarezza invece oggi rilanciano la proposta di intitolare ai caduti di Nassiriya uno spazio all’interno del palazzo della Regione.