Il rebus delle residenze protette

La residenza "Le due palme" di Sestri

Non emerge una soluzione dall’incontro tra la Asl ed i Comuni di Sestri, Casarza, Castiglione e Moneglia. L’azienda vuole tagliare i posti accreditati, i Comuni cercano di limitare il provvedimento.

Niente di deciso, dall’incontro di ieri sera, a Sestri Levante, tra la Asl ed i Comuni del distretto socio sanitario 16, quello che fa capo a Sestri Levante. Gli amministratori comunali lamentavano, infatti, il taglio dei posti convenzionati nelle residenze, previsto per un 5%, dopo il 10% dello scorso anno. La Asl ha proposto di ridurre il taglio al 4%, possibilità ritenuta, comunque, insufficiente dalla controparte. Un nuovo incontro è stato preannunciato per febbraio, dopo che ciascuno avrà valutato, sul complesso delle case di riposo, la possibilità di reperire nuovi posti e limitare il taglio degli accreditamenti.