Il Parco di Portofino sta per diventare nazionale

Monte, mare e sentieri sul promontorio di Portofino
Monte, mare e sentieri sul promontorio di Portofino

Confronto sul tema, ieri, tra il ministro Gian Luca Galletti e l’assessore regionale Giacomo Giampedrone: il piano è per un organo unificato con l’Area Marina Protetta, che passi alle competenze dello Stato.

Si va verso la nazionalizzazione del Parco di Portofino. Dopo la cerimonia di inaugurazione del depuratore di Recco, ieri, il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, è tornato a parlare del tema con l’assessore regionale ai Parchi, Giacomo Giampedrone, confermandogli che l’imminente legge nazionale di riordino delle aree protette conterrà l’indicazione di far passare sotto la competenza dello Stato il Parco di Portofino, integrandolo con la Riserva Marina e creando così un caso unico in Italia. Per la Regione, che da tempo spinge in questa direzione, significa risparmiare gli investimenti, di circa un milione di euro l’anno, sul Parco di Portofino, nella prospettiva, come dice Giampedrone, di spostare queste risorse sulle altre aree protette regionali, tra le quali, come noto, il Parco dell’Aveto.