Il messaggio del vescovo ai giornalisti locali: “Recuperare la radice per un Natale che non sia stanco”

vescovo
Un’immagine dell’incontro

Questa mattina monsignor Alberto Tanasini ha incontrato i rappresentanti della stampa locale.

Auguri per un Natale che non sia stanco. Stancante è la ripetizione di riti vuoti, mentre recuperare la radice, anziché la superficie della festa, è il significato più profondo che può farla vivere in maniera viva. Queste le parole che il vescovo di Chiavari, monsignor Alberto Tanasini, ha affidato ai giornalisti locali nell’incontro che si è svolto questa mattina nei locali della Curia. Un incontro-saluto, in prossimità delle feste, che cadono subito dopo l’ennesima calamità naturale sul territorio, questa volta la mareggiata, laddove ancora una volta emerge la solidarietà della gente. I preti di Rapallo e Santa Margherita Ligure, ha annunciato Tanasini, raccoglieranno domenica prossima delle donazioni in Chiesa a favore dei danneggiati. Forse meno solidarietà emerge, ha detto il vescovo stimolato dalle domande dei giornalisti, per quanto riguarda il fenomeno dell’accoglienza dei migranti. Dove c’è stata integrazione, anziché tentativo di guadagno, ha sottolineato il vescovo, l’integrazione stessa ha funzionato e non c’è stata neanche reazione negativa da parte della gente.

vascovo