Il consiglio di Chiavari cambia idea: meglio non abbattere il ponte

Si ridiscute il piano di bacino dell'Entella?
Si ridiscute il piano di bacino dell’Entella?

Dopo una riunione dei capigruppo, la mozione delle minoranze ha prodotto un ordine del giorno unanime: la giunta dovrà impegnarsi per far rivedere il progetto sul Ponte della Libertà.

A sorpresa, il Comune di Chiavari prende le distanze dal progetto di abbattimento e sostituzione del Ponte della Libertà, parte integrante del progetto complessivo di messa in sicurezza dell’Entella. Durante il consiglio comunale di ieri sera, infatti, la richiesta, in questo senso, di larga parte delle opposizioni, ha generato una riunione dei capigruppo e, a seguire, è stato votato all’unanimità un ordine del giorno “che impegna la giunta di Chiavari a chiedere una revisione del piano di bacino che eviti l’abbattimento del ponte della Libertà”. Ampia discussione, ancora una volta, sui supermercati in apertura, con le opposizioni che hanno contestato, ancora una volta, l’asservimento dei posti auto a quello di via delle Vecchie Mura ma anche quello di corso Dante, discutendo delle sue superficie: 850 metri quadrati di superficie netta di vendita ma con altrettanto spazio per le lavorazioni. Si è discussa anche l’interpellanza di Silvia Garibaldi su piazza dell’Orto, viale Arata e viale Tappani: “Sono molto preoccupata dalle intenzioni della amministrazione – dice la consigliera di “Chiavari avanti così” – che temo mettano a rischio una delle zone più belle della città, proponendo un sagrato, secondo me, avulso dal contesto, mentre non pensa a ripristinare il verde in viale Tappani ed in Viale Arata che e’ un elemento paesaggistico di rilievo in zona di pregio”.