I Comuni del Tigullio uniti nell’appello ad Autostrade

L’incontro odierno a Palazzo Bianco

Le criticità della rete autostradale, anche legate ai trasporti sanitari, hanno ispirato un incontro a Chiavari, che ha coinvolto le amministrazioni di Chiavari, Lavagna e Cogorno, oltre ai vertici dell’Asl4 e delle forze dell’ordine.

Le forze dell’ordine non hanno potuto garantire la presenza, per scortare una ambulanza in caso di impegno dell’elisoccorso altrove e la situazione rimane, dunque, la stessa del 12 giugno, quando le stesse amministrazioni comunali avevano già lanciato un appello. “Scriverò nuovamente a Regione Liguria, ad Alisa, alla società Autostrade e al sottosegretario ai Trasporti Traversi – afferma il presidente della conferenza dei sindaci dell’Asl4 e assessore alla sanità del comune di Chiavari, Giuseppe Corticelli – chiedendo che vengano almeno comunicate con maggior tempismo le chiusure dei tratti autostradali e che venga data la possibilità alle ambulanze di avere una via preferenziale per lo spostamento verso i principali ospedali genovesi. Così non si può andare avanti”. “Anche se con ritardo rispetto alla nostra richiesta di un mese fa, sono soddisfatto che si sia avviato un sistema di collaborazione tra vari enti”, commenta Luca Torrente, consigliere comunale di Cogorno con delega alla sanità. Antonella Orbolo, che la stessa delega ricopre nel Comune di Lavagna, rileva: “Dalla riunione di stamattina è risultata l’impotenza del cittadino di far fronte all’indifferenza di società Autostrade”.