Gli Scogli, doppia vittoria su Agostino

Il lungomare di Chiavari

Le notizie della stampa locale di oggi. Il Secolo: pignorate le case del sindaco, che deve il risarcimento alla società per il caso Preli, il Corriere Mercantile: nessun obbligo di realizzare una nuova diga davanti al cantiere navale.

E’ pubblicata sul Secolo XIX di questa mattina l’ennesima puntata del caso Preli. Dopo la sentenza di Appello che lo condanna per concorso in tentata concussione, infatti, il sindaco di Chiavari, Vittorio Agostino, si è visto, nei giorni scorsi, anche pignorare le due case di Sant’Andrea di Rovereto a lui intestate. Il Tribunale di Chiavari, infatti, ha certificato che il primo cittadino non ha provveduto al risarcimento di almeno uno dei due soggetti che si erano costituiti parte civile, ovvero la società “Gli Scogli srl” per la quale il Tribunale aveva stabilito un risarcimento di 157mila euro. Il primo cittadino precisa di aver già presentato ricorso in Cassazione, non solo, in generale, contro la sentenza di secondo grado, ma anche, specificamente, per chiedere una sospensiva del pignoramento.
Il Corriere Mercantile, invece, annuncia che il Consiglio di Stato, come il Tar della Liguria, dà ragione alla stessa società “Gli Scogli srl”, respingendo il ricorso del Comune e confermando l’annullamento della delibera di consiglio comunale che avrebbe obbligato “Gli Scogli” a realizzare una nuova diga in difesa dell’area del cantiere navale.