Giorgio Costa: “Pronti a collaborare con le forze alternative a Campodonico”

“Bisogna andare oltre gli schieramenti e le logiche politiche”, spiega il candidato del Circolo Via della Libertà 61. Nadia Molinaris, del Circolo della Pulce, ricorda invece le regole per la raccolta delle firme.

“Intendiamo collaborare con tutte quelle forze alternative all’attuale amministrazione che non intendano prestarsi a possibili aiuti nei confronti di Campodonico e dei suoi alleati”: lo dice a Rapallo Giorgio Costa, candidato sindaco per il Circolo Via della Libertà 61. Parole con le quali sembra spiegare il recente accordo con l’Udc e quello che probabilmente verrà annunciato sabato con Liguria Viva. “Bisogna andare oltre gli schieramenti e le logiche politiche – spiega Costa – affinché ci si unisca intorno ad un progetto di città nuovo e condiviso”.

Sempre a Rapallo Nadia Molinaris, candidata del Circolo della Pulce, interviene invece per ricordare come funziona la raccolta delle firme per la presentazione delle liste. Servono 175 firme per ogni lista, ma chi ha nel gruppo un consigliere comunale o provinciale le può anche raccogliere in strada, mentre chi ne è privo, ed è caso del Circolo della Pulce, deve portare la propria lista in Municipio, dove le firme vengono autenticate da un funzionario preposto. Nadia Molinaris coglie anche l’occasione per sottolineare che il suo Circolo non appoggia altri candidati: questo perché, spiega, “ci hanno riferito che alcune persone, per far firmare altre liste, direbbero che è la stessa cosa in quanto siamo insieme. Questo non è vero e spero siano voci infondate”.