Francesco Gabbani e tantissime rassegne nell’estate di Rapallo

Il sindaco di Rapallo Carlo Bagnasco
Il sindaco di Rapallo Carlo Bagnasco

Presentato questa mattina il calendario degli eventi, con le kermesse di lirica, tango, dance, rock e gli eventi per bambini, oltre a Feste di Luglio e Rapallo Expo. I negozi garantiscono l’apertura serale.

L’evento di punta sembra il concerto di Francesco Gabbani, recente vincitore della sezione Giovani del Festival di Sanremo, il prossimo 2 agosto, nell’ambito della rassegna “Palco sul mare festival”, ma è molto ricco il programma delle manifestazioni estive presentato, questa mattina, dal Comune di Rapallo. La musica arriverà anche con la rassegna “Corde oblique” ed i concerti di Giua e Federico Sirianni, Armando Corsi, lo Gnu Quartet e Roberta Alloisio. In calendario, anche la rievocazione dello sbarco del pirata Dragut, in programma il 9 luglio, la rassegna “Rap…sodia in blues (11,18,25 luglio e 1 agosto)”, la dance sulla spiaggia del Castello (13 e 28 luglio, 13 e 20 agosto), sino a Green e red carpet del Civ (23 giugno e 27 agosto), all’Expo Tigullio che sarà allestita dal 5 al 9 agosto, al “Rapallo Opera Festival” che catturerà gli appassionati di lirica già il 3 giugno, poi 9  e 22 agosto al parco di Villa Tigullio. Un’altra rassegna estiva sarà dedicata al tango, mentre torna il Beer’Art’Rock, e sono in programma tre serate per bambini, 3, 10 e 17 agosto.  «Il tutto – sottolinea il sindaco, Carlo Bagnasco – sarà corredato dall’apertura serale dei negozi, altro obiettivo che si raggiunge grazie alla collaborazione di Ascom e Civ». «Per la promozione abbiamo ideato una brochure/calendario cartaceo che verrà distribuito sul territorio e abbiamo la collaborazione del blog degli studenti del Da Vigo», sottolinea l’assessore Elisabetta Lai.

 

Nel frattempo, però, Armando Ezio Capurro contesta il fatto che, giunti a giugno, Villa Porticciolo sia ancora chiusa. In una interrogazione, chiede se ciò sia dovuto all’organizzazione di una sub concessione per gestire la struttura e commenta: “Anche forme indirette di subconcessione, quali la cessione del ramo di azienda da parte della società che ha vinto la gara, non sarebbero coerenti con quanto previsto dal bando”.