Finta cooperativa evade il fisco e va in bancarotta fraudolenta

L'indagine condotta sui movimenti contabili
L’indagine condotta sui movimenti contabili

La Guardia di Finanza denuncia l’amministratore che si era appropriato a titolo personale dei beni dell’azienda commerciale.  Nascosti al fisco ricavi per 2,7 milioni di euro.

Una società di Chiavari si era fittiziamente costituita con la formula della cooperativa, per usufruire delle specifiche agevolazioni fiscali, ma di fatto svolgeva una normale attività commerciale, prima di fallire. Di essa si è occupata la Guardia di Finanza del comando provinciale di Genova, che ha verificato come la società non abbia neppure mai presentato le annuali dichiarazioni dei redditi e dell’Iva, nascondendo al fisco ricavi per 2,7 milioni di euro e Iva dovuta per 340mila. Non sono state versate neppure ritenute per i dipendenti, per oltre 250mila euro in totale. Alla fine, la ricostruzione dei movimenti contabili ha permesso di verificare che l’amministratore della società si era impossessato, a titolo personale, dei beni aziendali, provocando il fallimento della stessa. L’uomo è stato denunciato per frode fiscale e bancarotta fraudolenta.