Fincantieri, ancora commenti: Giacomo Conti contro la Lega Nord

Acceso dibattito in Regione su Fincantieri

Il consigliere della Federazione della Sinistra accusa Edoardo Rixi di voler rompere il fronte unitario. Ma la Lega non trova sponda nemmeno nel Pdl, che non chiede le dimissioni dell’AD Giuseppe Bono.

Ancora commenti in merito alla discussione di questa mattina in Consiglio Regionale sulla vicenda Fincantieri. Secondo Giacomo Conti della Federazione della Sinistra “l’ossessiva richiesta di dimissione dell’amministratore delegato di Fincantieri da parte di Edoardo Rixi nasconde, con evidente difficoltà, le contraddizioni della politica della Lega Nord. Un partito che esprime la vicepresidenza di Fincantieri, è presente nel governo a tutti i livelli, è quindi responsabile del piano presentato. Rixi scarica tutte le responsabilità su Bono per coprire il Governo e far saltare il fronte unitario a sostegno dei lavoratori e della cantieristica”. La Lega Nord non trova sponda nemmeno nel Pdl. Luigi Morgillo e Gino Garibaldi ribadiscono che “fin dall’inizio di questa vertenza abbiamo manifestato la nostra contrarietà alle dimissioni dell’amministratore delegato di Fincantieri. Prima dobbiamo rispondere all’esigenza dei lavoratori e del territorio di salvaguardare i posti di lavoro ed il radicamento della cantieristica nella nostra regione, poi si andranno a cercare le eventuali responsabilità su quello che è accaduto”.