Finanziamenti per lavori nelle botteghe dell’entroterra

La giunta regionale di Giovanni Toti
La giunta regionale di Giovanni Toti

Li ha stabiliti la giunta regionale, aprendo un bando da un milione di euro per coprire il 40% di investimenti nei negozi. Cambia anche la legge sul conferimento dei rifiuti in discarica: più sconti ai Comuni che più riciclano.

Arrivano possibili contributi per le botteghe dell’entroterra, in base a quanto approvato dalla giunta regionale, che emana un bando da un milione di euro. Si prevedono finanziamenti a fondo perduto per piccole superfici commerciali di vendita al dettaglio di generi alimentari e misti in 125 Comuni liguri non costieri, di cui 34 in provincia di Genova: vale per i centro con una popolazione non superiore ai mille abitanti e per quelli entro i 5mila abitanti, che rispondano ad alcuni requisiti. Sono ammessi contributi da un minimo di 5 mila a un massimo di 20 mila euro a impresa, pari al 40% degli investimenti effettuati per ristrutturazioni edilizie, installazioni tecnologiche, arredi e acquisti di beni. E’ stata approvata dalla giunta regionale anche la modifica alla legge del 2007 relativa a i tributi per il conferimento dei rifiuti solidi  in discarica. La nuova normativa prevede riduzioni del tributo per i Comuni più ricicloni, cioè che superano il 65% di raccolta differenziata, che si vedranno applicare uno sconto sul tributo del 30%. Quelli che arrivano al 75% avranno una riduzione del tributo del 40%, fino ad arrivare ad una riduzione del 70% per chi faccia il 90% di differenziata.