Fase 2, Toti: “Attendiamo le linee guida del governo”

Il presidente Toti davanti alla sede di Regione Liguria

A fronte degli ultimi dati, secondo il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, “stiamo andando nella direzione giusta”, visto che “continua a scendere il dato relativo ai pazienti nelle terapie intensive”. Circa il confronto con il governo sulla fase 2, Toti dice che “il governo dovrà dettare linee guida omogenee per tutto il Paese con regole e tempistiche, ma come Regioni abbiamo chiesto di avere un margine di autonomia”. Mancano ancora, da Roma, “le indicazioni che ci aspettiamo sulla app di tracciamento e sui test sierologici, che in Liguria stiamo effettuando”. Si è riunita sabato, per la prima volta, la task force voluta da Toti, con le perplessità dell’ordine  dei medici per l’esclusione, di fatto, della categoria e di diverse personalità per la moltiplicazione di questi organismi in tutta Italia: “Non è un tavolo di confronto da cui scaturiranno le regole da applicare in Liguria – dice Toti -. Si tratta, invece, di una task force di varie personalità le cui idee e suggerimenti saranno oggetto di un’ampia fase di confronto e concertazione che spero sarà proficua e collaborativa con i sindacati e le associazioni di categorie”. L’assessore Giampedrone ha poi ricordato che stamattina “Poste riprenderà la consegna di 100mila mascherine al giorno in tutta la Liguria. Inizieremo anche ad organizzare anche il confezionamento e la distribuzione di 1 milione di mascherine ulteriori, con avvio dell’operazione dopo il 27 aprile. Complessivamente distribuiremo 3 milioni di mascherine chirurgiche ai liguri.