Ezio Chiesa contrario al taglio dei bus per le frazioni collinari

Il consigliere regionale di Liguria Viva Ezio Chiesa

Il consigliere regionale annuncia battaglia contro il provvedimento della giunta che alza da 50 a 100 il numero di abitanti necessario per avere due corse. E dice la sua anche sul Governo Monti.

Il consigliere regionale di Liguria Viva Ezio Chiesa chiede un ripensamento in merito al taglio delle corse dei bus nelle piccole frazioni delle località collinari. “Intendo battermi in Consiglio Regionale – garantisce Chiesa – per modificare il provvedimento adottato dalla Giunta, relativo al bilancio del prossimo anno, nella parte che penalizza le piccole frazioni delle località collinari, finendo per tagliare le uniche due corse giornaliere di trasporto pubblico”. Il provvedimento, di fatto, alza da 50 a 100 il numero di abitanti minimo per avere diritto alle due corse giornaliere. Lo stesso Chiesa dice poi la sua anche in merito alla manovra presentata dal Governo Monti. E non lesina le critiche, in particolare in merito all’innalzamento dell’età pensionabile. Secondo il consigliere, inoltre, è inaccettabile reintrodurre l’ICI in maniera così pesante sulla prima casa e non è condivisibile la scelta di aumentare in modo lineare gli estimi catastali. Chiesa parla poi di modesti provvedimenti per combattere l’evasione fiscale e rileva che nessun impegno è stato assunto per coloro che hanno grandi capitali all’estero.