Ex giocatore del Leivi muore in provincia di Cuneo schiacciato da una pressa

Il cartellino di Nuzzo ai tempi in cui giocava nel Leivi

Vito Nuzzo, operaio originario della Puglia, fino a sei anni fa aveva vissuto nel Tigullio. A rendere nota la vicenda è stato, nella giornata di ieri, Serafino Oneto, presidente del Leivi, squadra che milita in Seconda Categoria dove Nuzzo aveva giocato nelle giovanili

Dopo tre giorni di coma è morto martedì sera un operaio di 29 anni rimasto gravemente ferito in un incidente sul lavoro a Roccavione, in provincia di Cuneo. Un lutto che ha colpito anche il Levante ligure visto che a perdere la vita è stato Vito Nuzzo, ragazzo originario della Puglia ma che fino a sei anni fa viveva nel Tigullio. A rendere nota la vicenda è stato, nella giornata di ieri, Serafino Oneto, presidente del Leivi, squadra che milita in Seconda Categoria dove Nuzzo aveva giocato nelle giovanili. Sabato scorso era rimasto schiacciato da una pressa all’interno dell’ex cartiera Pirinoli, ora gestita da una cooperativa di soci lavoratori. Era stato ricoverato nel reparto di rianimazione del Cto, a Torino, in condizioni gravissime. Nonostante le cure, per lui non c’è stato nulla da fare.