Elisabetta Lai si candida e si autosospende dalle cariche Ascom e Civ

Elisabetta Lai, commerciante in politica
Elisabetta Lai, commerciante in politica

Correrà nella lista di Mentore Campodonico, a supporto di Carlo Bagnasco. Massimiliano Colombi gestirà Ascom e Civ, l’Ascom insieme a Massimo Fazzini. Intanto, la campagna elettorale si incendia.

Elisabetta Lai, presidente di Ascom Rapallo-Zoagli e del Civ di Rapallo, si autosospende dalle due cariche e si presenta alle prossime elezioni amministrative nella lista di Mentore Campodonico, in appoggio al candidato sindaco Carlo Bagnasco. E’ stata la stessa Lai ad annunciare le novità questa mattina nel corso di una conferenza stampa, spiegando di aver trovato in Bagnasco una persona che sa ascoltare e spiegando altresì di aver rifiutato la proposta di correre come sindaco che gli era stata avanzata da Armando Ezio Capurro perché non sufficientemente preparata per un incarico simile. A Capurro Elisabetta Lai ha inoltre rimproverato di aver votato a favore dell’outlet di Brugnato in consiglio regionale. Il Civ passa ora nelle mani di Massimiliano Colombi, il quale in qualità di vicepresidente dirigerà anche l’Ascom insieme a Massimo Fazzini.

E intanto si infiamma la campagna elettorale a Rapallo. Carlo Bagnasco promette un grande progetto che rilancerà il turismo e cento nuovi parcheggi liberi nei primi cento giorni da sindaco. Ed accusa Capurro, sostenendo che basa la sua campagna elettorale sugli attacchi personali, ironizzando poi sulle proposte di aprire un point informativo in Russia e di vietare i nomi stranieri nelle insegne di bar e ristoranti.

Al vetriolo la replica di Capurro, il quale cita i regolamenti di Bologna e Novara che vietano le insegne in straniero senza la corrispondente traduzione in italiano ed accusa Bagnasco di aver speso per due sondaggi più di quanto ha dichiarato come reddito netto nel 2012. Capurro ieri ha partecipato all’incontro in stazione con l’assessore regionale Enrico Vesco, sollecitando l’ente ferroviario ad abbattere le barriere architettoniche e ad una maggiore attenzione nei confronti della sicurezza della stazione.

Ed a proposito di barriere architettoniche in stazione, critici sul sopralluogo di ieri sono i 5 Stelle Rapallo, i quali lamentano di non aver avuto le garanzie richiesta né da Vesco, né da Capurro e nemmeno da RFI. Fa ancora discutere intanto anche l’incontro sul tema dei “Rifiuti zero” che si è tenuto qualche giorno fa, con il portavoce del movimento “Imprese che resistono” Fabrizio Martin che sostiene di aver assistito ad una “vergognosa parata di candidati sindaci”, nessuno dei quali, a detta di Martin, veramente interessato al tema.

Segnaliamo infine che Andrea Carannante del Partito Comunista dei Lavoratori annuncia di aver quasi ultimato il programma in materia di spiagge libere e controllo dell’inquinamento del mare. La sua proposta è quella di rimodulare le concessioni demaniali, riequilibrare la percentuale delle spiagge libere e rendere libero l’accesso all’arenile, permettendo anche quella visibilità ora impedita dalla fila delle cabine.