Duferco Energia sponsor del chiavarese Vittorio Podestà alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro

Vittorio Podestà punta all'oro con Duferco partner
Vittorio Podestà punta all’oro a Rio 2016

Duferco Energia, tramite il brand Due Energie, sarà lo sponsor ufficiale di Vittorio Podestà, handbiker chiavarese che dopo la tripla medaglia d’oro nei Mondiali di Nottwill 2015 punta all’oro anche per le prossime Paralimpiadi di Rio de Janeiro.

Sarà Duferco Energia, attraverso il brand commerciale DUE Energie, a fare da sponsor all’atleta chiavarese Vittorio Podestà, che rappresenterà l’Italia alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro. Il campione del mondo di handcycling, già medaglia d’argento alle Paralimpiadi di Pechino e Londra, punta con decisione all’oro olimpico: “Un campione indiscusso – commenta Antonio Gozzi, a capo della Duferco Energia che è anche main sponsor della Virtus Entella di cui lo stesso Gozzi è presidente – ma prima di tutto un grande uomo che ha saputo sempre reagire di fronte alle difficoltà e che con sacrifici, abnegazione e un impegno costante ha ottenuto risultati sportivi incredibili. Sostenerlo nell’appuntamento più importante della sua carriera è per la nostra azienda un grandissimo orgoglio e il nostro augurio è di incontrarlo a fine settembre qui a Chiavari per festeggiare insieme una medaglia”. Podestà, 43enne di Chiavari, handbiker dal 2003, vanta molte medaglie: oro ai Mondiali di Bordeaux 2007, argento alle Paralimpiadi di Pechino 2008, ai Mondiali di Bogogno 2009 e di Roskilde 2011, bronzo (cronometro e strada) e argento (a squadre) alle Paralimpiadi di Londra 2012, due ori (a cronometro e a squadre) e un bronzo (strada) ai Mondiali di Baia-Comeau 2013, in Canada e di nuovo due ori, (a squadre e su strada) e un argento nella cronometro ai Mondiali di Greenville 2014, per finire con tre medaglie ai Mondiali di Nottwill 2015. “Il sostegno economico di una azienda come Duferco Energia – ha commentato – significa tranquillità di poter preparare nel migliore dei modi un appuntamento importante come le Olimpiadi, potendosi concentrare sugli allenamenti e gli obiettivi da raggiungere”.