Due condanne per i furti a Leivi

I fatti erano avvenuti a gennaio

Come riporta Il Secolo XIX di oggi, i due cugini di origine marocchina che erano stati arrestati dai carabinieri devono scontare, adesso, 2 anni e 4 mesi e 1 anno e 4 mesi, per rapina e ricettazione.

E’ giunta all’epilogo la vicenda dei furti che avevano fatto parlare a Leivi e dintorni, in particolare, a gennaio. Ieri, infatti, secondo quanto riporta, questa mattina, Il Secolo XIX, sono stati condannati i due cugini che erano stati arrestati dai carabinieri, accusati di rapina, per l’episodio in cui furono sorpresi in casa dal padrone che rientrava, e ricettazione, per la presenza, nella loro abitazione, di oggetti rubati proprio nelle case di Leivi. I due, di origine marocchina, adesso devono scontare, rispettivamente, 2 anni e 4 mesi e 1 anno e 4 mesi, pene già di per sé ridotte di un terzo perché giunte con rito abbreviato, ieri, davanti al giudice per l’udienza preliminare Claudio Siclari.