Corsa a piedi nudi nella neve

Lo skilift della Cipolla (con la neve vera)

Domani terza edizione (prima da queste parti) per l’evento, pensato come rievocazione della drammatica campagna di Russia dell’esercito italiano. Nel pomeriggio convegno e spettacolo al bocciodromo.

E’ davvero singolare l’evento che si consumerà domani al Prato della Cipolla di Santo Stefano d’Aveto, con il terzo “Trofeo del coraggio”. Dopo due edizioni in Val Brembana, arriva, infatti, la corsa a piedi nudi sulla neve, che sisvolgerà con tre giri lungo un anello di circa 400 metri, sul manto, forzatamente, artificiale, visto l’assenza di neve naturale. Si tratta di una iniziativa pensata per rievocare la campagna di Russia e il dramma vissuto, in quegli anni, dai soldati italiani. Sono una quindicina i partecipanti alla corsa, che si sono iscritti attraverso il sito internet dell’organizzatore, Vittorio Cavanna. Chiunque voglia, si potrà unire direttamente domattina: la corsa a piedi nudi è in programma alle 11. Nel pomeriggio, al bocciodromo di Santo Stefano, a partire dalle 16, due eventi collaterali, con una conferenza ed uno spettacolo teatrale dedicati ai ricordi dei reduci dalla Russia.