Come gestire l’assistenza sanitaria degli immigrati richiedenti asilo? Asl 4 a convegno

La sede della Asl 4 in via Ghio a Chiavari
La sede della Asl 4 in via Ghio a Chiavari

Nell’era degli sbarchi, dall’accoglienza all’acquisizione di un medico di medicina generale: le procedure hanno bisogno di adattarsi. E’ in corso un seminario a San Salvatore, negli spazi universitari della Asl 4.

Gli arrivi in Italia di migranti senza un progetto o reti locali di supporto pongono sfide inedite anche per il servizio sanitario nazionale. La Asl 4 ne parla diffusamente, oggi, nel seminario dal titolo “La salute delle persone richiedenti asilo: ruoli e strumenti per una presa in carico efficace”. Ci si focalizza non tanto sul “triage” che viene effettuato nel luogo di arrivo sulla base di regolamenti internazionali di polizia sanitaria, quanto piuttosto sulla presa in carico da parte del sistema delle cure primarie, in primo luogo da parte del medico di medicina generale. “Da un lato – commentano dalla Asl Chiavarese – questo passaggio, previsto dalla normativa italiana, riconosce al richiedente asilo l’iscrizion al Servizio sanitario nazionale ed è una chiave per le politiche di inclusione, dall’altro la sua realizzazione richiede un aggiustamento delle modalità operative consolidate”.