Chiesto lo stato di calamità per la mareggiata

Il sindaco Giuliano Vaccarezza ha calcolato un danno di 350 mila euro solo per quanto riguarda l’arenile.Il Comune di Lavagna ha chiesto lo stato di calamità naturale in seguito alla violenta mareggiata che l’ha colpita nei giorni scorsi, erodendo in maniera preoccupante il litorale e accanendosi sulle scale che collegano la spiaggia alla passeggiata e i sottopassaggi. Ora che si avvicina la stagione balneare, il danno più ingente è l’evidente dapauperamento dell’arenile, trascinato via in gran quantità dalle onde. Il Comune di Lavagna ha annunciato la stretta necessità di provvedere intempi brevi al completamento delle opere pubbliche in difesa dell’arenile, per evitare che la prossima mareggiata causi gli stessi problemi: il costo del solo ripascimento delle spiagge sarebbe, secondo il sindaco Giuliano Vaccarezza, 350 mila euro, per reperire i quali si chiederà un contributo alla Regione, al Governo e alla Comunità Europea.

Redazione Radio Aldebaran – www.radioaldebaran.it