Chiavari: partiti i lavori per il nuovo parco giochi dei frati

L’area che diventa parco giochi

Grazie al lascito del benefattore Vittorio Chiesa rinasce un’area verde dedicata ai più piccoli.

Oggi è una grande giornata per Chiavari, per i Frati Cappuccini di Viale Tappani e per i ragazzi di oggi e domani. Quel meraviglioso rettangolo dove sono cresciute intere generazioni di giovani bacezzini, ora rinasce per riprendere le forme assunte fino a qualche anno fa, per ritornare cioè a essere un tassello prezioso a disposizione della città, dove il gioco dei bambini sarà il fulcro centrale di questo nuovo spazio. La storia di noi ragazzi degli anni settanta passa attraverso quella polvere e quell’asfalto, passa attraverso lo sguardo paterno di Padre Marcellino e di padre Anacleto poi. Passa attraverso le centinaia di palloni che puntualmente trovavano le punte della cancellata a forarli, passa attraverso un’età in cui quel convento era la nostra casa, sempre pronti a servire la “benedizione” delle cinque, in cambio di un cornetto che Padre Benedetto teneva in serbo per noi chierichetti, o impegnati a sfaldare scarpe sino a sera mai domi dietro alla palla.

Quei pezzi di muro che oggi stanno cadendo si portano via molti ricordi della nostra infanzia, ma la breve tristezza si cambia immediatamente in gioia perché nuove voci attraverseranno quei luoghi tanto cari a noi ragazzi dei frati.

E non dimentichiamoci che proprio su quella piazza antistante il campetto, sotto la giovanile guida di Padre Lorenzo, prendeva il via l’avventura di Radio Aldebaran, per vent’anni ospite del convento.

Grazie a Vittorio, da sempre legato ai cappuccini chiavaresi, alla figlia Caterina e a tutta la loro famiglia.

E lunga vita ai Frati, emblema silenzioso al servizio degli ultimi.

(Salvo Agosta)