Chiavari, legata e imbavagliata a scuola

I carabinieri di Chiavari indagano sull'accaduto

Una insegnante delle Gianelline ha sorpreso, presumibilmente, un ladro, armato di coltello, che, prima di darsi alla fuga, l’ha immobilizzata in quel modo.

Un gravissimo fatto di cronaca è avvenuto a Chiavari, dove una donna di 43 anni, insegnante, è stata trovata legata ad una sedia ed imbavagliata all’interno dello spogliatoio, nella scuola delle Gianelline, lungo la circonvallazione. La donna, che non ha subito violenza e non è stata rapinata, è stata trovata attorno alle 7.15, 7.30 di questa mattina da una collega. Ha raccontato ai carabinieri di aver sorpreso, al suo arrivo, un uomo, apparentemente italiano, armato di coltello, all’interno della scuola. Questi, presumibilmente un ladro, l’ha minacciata e poi immobilizzata in quel modo, forse per guadagnare tempo per la fuga: ha usato una corda (che forse aveva con sè, ma si tratta di un particolare che dovrà essere charito dall’indagne) per legarla e del nastro adesivo per tapparle la bocca. I militari stanno cercando di localizzarlo, in base alla descrizione avuta dalla vittima dell’aggressione. Questa, invece, sotto schock e per tutti gli accertamenti del caso, è stata condotta nel pronto soccorso dell’ospedale di Lavagna.