Cessa alle 18 l’allerta meteo nel Tigullio, fine di un incubo?

I consiglieri regionali devolvono 1.000 euro

La Protezione Civile regionale conferma l’allerta (livello 1) per Genova e (livello 2) per il ponente. Dal 1° gennaio aumenterà la benzina, per finanziare il ripristino dei danni.

Dopo cinque giorni ininterrotti, alle 18 di questo pomeriggio cesserà finalmente l’allerta meteo nel nostro comprensorio. La Protezione Civile regionale non ha infatti prorogato l’allerta meteo per il levante ligure, dal Monte di Portofino alla Spezia e relativo entroterra. Resta la possibilità di piogge e precipitazioni, ma di intensità non tale da indicare uno stato di allerta. L’ultimo bollettino della Protezione Civile, valevole fino alle 8 di domani mattina, per il nostro comprensorio parla semplicemente di “criticità ordinaria”. Resta invece in vigore l’allerta meteo, declassata però a livello 1, su Genova; ancora allerta 2, infine, per il ponente della nostra regione.

Intanto, questa mattina il Consiglio Regionale ha approvato un pacchetto di misure straordinarie per reperire fondi aggiuntivi da destinare al ripristino dei danni, dopo le alluvioni che hanno colpito nei giorni scorsi la provincia della Spezia e Genova. La misura più importante riguarda l’aumento dell’accisa sulla benzina: dal prossimo 1° gennaio l’aumento sarà di 0,0242 euro per litro, il gettito stimato è di circa 8 milioni di euro. Un’altra misura prevede la possibilità di estendere i piani regionali di intervento strategico anche alla realizzazione delle opere urgenti di prevenzione di ulteriori calamità naturali.Inoltre la Regione ha aperto un conto corrente per raccogliere donazioni dai privati. Ogni consigliere regionale infine devolverà 1.000 euro ai parenti delle vittime. In apertura di seduta il presidente Rosario Monteleone ha commemorato le vittime dell’alluvione e l’ex presidente della Regione Giacomo Gualco, recentemente scomparso.