Cavalli selvatici, la Asl 4 critica i proprietari di terreni della Valle Sturla

cavalli
Cavalli rinselvatichiti in zona Aveto

C’è una fase 2 anche per le operazioni di monitoraggio dei cavalli selvatici delle Valli Sturla e Graveglia. La Asl 4 comunica di riprendere la campagna di censimento degli esemplari rinselvatichiti e quella di collocazione di dissuasori che li tengano lontani da colture, case e strade, ma, su questo fronte, non manca un rilievo pesante: “In Val Graveglia questa iniziativa è stata accolta con disponibilità dei residenti, che hanno dato le autorizzazioni per collocare barriere, mentre in Valle Sturla la risposta è stata in pratica nulla: pochi proprietari hanno dato il placet, molti non hanno neppure risposto alle lettere”. La Asl parla di domanda che sorge spontanea: “Si vuole risolvere il problema oppure si vuole lasciare tutto così perché a qualcuno fa buon gioco?”. La Val Graveglia è più avanti anche per quanto riguarda il censimento: si è infatti concluso a febbraio, mentre il conteggio dei cavalli in Valle Sturla doveva partire a marzo. Fermato dall’emergenza, riprenderà, adesso, con l’ausilio di volontari ma anche dei carabinieri forestali.