Carlo Bagnasco: “Servono un commissario ad acta e meno burocrazia, bisogna portare via le barche”

Carlo Bagnasco
Carlo Bagnasco a bordo dello yacht “Pomi One”

Il sindaco di Rapallo questa mattina è salito sulla poppa del “Pomi One” per lanciare il suo appello.

Carlo Bagnasco chiede un commissario ad acta per affrontare l’emergenza dovuto alla mareggiata di fine ottobre e deroghe per riportare la città alla normatilità al più presto. Il sindaco di Rapallo, questa mattina, è salito sulla poppa del “Pomi One”, yatcht ancora arenato sulla scogliera dell’Antico Castello sul Mare, per lanciare il suo messaggio. “Bisogna che la rimozione delle barche avvenga il prima possibile – ha detto Bagnasco – Gli operatori turistici e della balneazione hanno bisogno di risposte immediate, qui non si parla di risorse economiche, ma di tempistiche: le barche devono andare via, dopodiché proseguano pure le perizie del caso”. Il sindaco ha poi ricordato la necessità di procedere in fretta alla bonifica del golfo. “Un’operazione dal costo stimato di 40 milioni di euro – ha detto – La stagione balneare si avvicina a passo spedito e la città deve essere messa in condizioni di affrontarla”.

Le richieste di un Sindaco per ritornare alla normalità ne Comune di Rapallo.

Pubblicato da Carlo Bagnasco Sindaco a Rapallo su Lunedì 10 dicembre 2018