Canepa preoccupato per le antiche mura e per la Fara

Il consigliere comunale Giorgio Canepa
Il consigliere comunale Giorgio Canepa

Il capogruppo di Partecipattiva Giorgio Canepa chiede che restino visibili i manufatti rinvenuti in via Delle Vecchie Mura e intanto avanza dubbi sul progetto della Fara: “Non è che si ha l’intenzione di privatizzare tutto il tratto di spiaggia antistante?”.

“Chiavari ha bisogno di valorizzare al massimo il suo passato e occorre predisporre un’adeguata conservazione dei manufatti rinvenuti in via Delle Vecchie Mura”. Il capogruppo di Partecipattiva Giorgio Canepa interviene in merito al ritrovamento delle mura dell’ antico complesso urbano e suggerisce alcune opzioni per far sì che queste possano restare visibili: “Tra le possibili soluzioni, una potrebbe essere quella di predisporre coperture con aperture che permettano la ventilazione da condividere con eventuali sponsor per la pulizia ordinaria dell’area” suggerisce il consigliere, ricordando inoltre che domani mattina alle 10 ci sarà un momento di incontro con i cittadini interessati alla scoperta.
Canepa intende portare l’attenzione anche sul progetto del recupero dell’ex colonia Fara: “Un aspetto a mio avviso decisamente allarmante è che sotto la passeggiata a mare il progetto preveda un cospicuo numero di cabine con accesso alla spiaggia che configurano uno stabilimento balneare di una notevole dimensione, laddove invece il tratto è di spiaggia libera. Non è che si ha l’intenzione di lasciar privatizzare tutto il tratto di spiaggia davanti alla Fara? Più volte l’amministrazione ha affermato che la spiaggia di questa porzione di Chiavari (Preli, Fara e poi più in là fino al Gruppo del sale) sarebbe rimasta libera. Alle parole devono seguire i fatti”.