Caldo e umido: prosegue la sensazione di afa

Tra i consigli per combattere il grande caldo, bere molta acqua

Ieri, massime oltre i 30 gradi, malori riconducibili al caldo e pure ammanchi di corrente.

La settimana di Ferragosto vede il Tigullio nella morsa del caldo. Ieri, i termometri dell’Arpal hanno registrato massime di  33° gradi a Rapallo,31° a Chiavari, 35° a Pian dei Ratti, 27° pure a Santo Stefano d’Aveto. Si sono registrati diversi malori dove il caldo potrebbe essere una concausa: in particolare, quello di un diportista, proveniente da Vigevano, di 67 anni, che stava lavorando nel proprio cabinato, all’interno del porto di Lavagna, recuperato dai vigili del fuoco e soccorso dal 118 che ha disposto il trasferimento al pronto soccorso di Lavagna. I consumi elevati, con i condizionatori accesi per far fronte all’afa, potrebbero essere la causa degli ammanchi di corrente verificatisi, ieri sera, a Lavagna. La situazione non sembra destinata a migliorare: oggi si prevedono temperature stazionarie ma sensazione di afa acuita dall’aria umida da sud. Per domani, martedì, i previsori Arpal prevedono temperature ancora in aumento, malgrado i possibili piovaschi preannunciati.