Autostrade, le Croci si rivolgono alla Procura

Una coda tra Rapallo e Chiavari

La situazione delle autostrade e della viabilità in Liguria liguri provoca la sollevazione delle pubbliche assistenze, che, in maniera collettiva, hanno deciso di presentare un esposto alla Procura, dando mandato di prepararlo allo studio legale Damonte di Genova. La decisione è stata presa, ieri, in una riunione che ha coinvolto 9 delegazioni di Croce Rossa, coordinate dal presidente di Cicagna, Francesco Boccardo, e 9 pubbliche assistenze, coordinate dal rappresentante Anpas Fabio Mustorgi. Lo riferisce lo stesso Mustorgi, dicendo: “I sensi unici alternati su unica carreggiata impediscono alle ambulanze di farsi largo anche con la sirena e costringono pazienti anche in gravi condizioni a rimanere bloccati nel traffico, ambulanze ed automediche impegnate in estenuanti code provocano indisponibilità sul territorio di detti importantissimi presidi di soccorso”. Le pubbliche assistenze dicono di ritenere che “una situazione così grave abbia precise responsabilità”. Intanto, nella stessa riunione si è stabilito di richiedere il rimborso delle spese sostenute dalle associazioni per l’acquisto straordinario di dispositivi di protezione individuale, effettuato a seguito della pandemia.