Aumenta la differenziata in Liguria, ma tra le virtuose del comprensorio +65% solo Sestri Levante e Sori

Differenziata, 32 Comuni hanno superato il 65%
Differenziata, 32 Comuni hanno superato il 65%

Censimento rifiuti urbani 2015: Sori e Sestri Levante uniche località del comprensorio ad aver tagliato e superato il traguardo del 65% di raccolta differenziata. Maglia nera per Maissana, ferma al 7,86%. In tutta la Liguria invece la percentuale sale al 38,63%; provincia di Genova terza dietro alla Spezia e Imperia.

Aumenta la raccolta differenziata in Liguria, che raggiunge la quota del 38,63 % a fronte del 35,90 % del 2014. Lo attestano i dati riportati sul “Censimento rifiuti urbani” 2015, elaborati dall’Osservatorio regionale sui rifiuti e approvati oggi, durante la seduta della giunta regionale. Raddoppiati, sempre rispetto al 2014, da 16 a 32, i Comuni che toccano e superano la percentuale del 65% di raccolta differenziata, ma tra i virtuosi per il territorio del levante si segnalano solo Sori e Sestri Levante, l’unico inoltre tra quelli con popolazione superiore a 15mila abitanti. Non è Tigullio, ma è vicino al comprensorio il Comune che si aggiudica “la maglia nera” per il tasso di raccolta più basso: Maissana, fermo al 7,68 %. In tutta la Liguria invece si evidenzia comunque un calo di circa 32.900 tonnellate per quanto riguarda la produzione totale dei rifiuti (-3,7 %) e la provincia di Genova si piazza al terzo posto per la percentuale complessiva di differenziata raccolta nel 2015: 34,57 %, dietro alla provincia della Spezia (40,38 %) e di Imperia (36,93%). Ultima Savona, ferma al 31,62 %.