Atp, adesione allo sciopero di ieri del 50% secondo Usb

Non c'è pace per Atp
Non c’è pace per Atp

Adesione allo sciopero intorno al 50% durante la quinta giornata di mobilitazione dei lavoratori di Atp indetta ieri, dall’Unione Sindacale di Base. I lavoratori hanno incontrato il consigliere delegato ai trasporti della città metropolitana, Nino Olivieri ed il vice sindaco metropolitano Valentina Ghio

Adesione allo sciopero intorno al 50% durante la quinta giornata di mobilitazione dei lavoratori di Atp indetta ieri, dall’Unione Sindacale di Base. I lavoratori hanno incontrato il consigliere delegato ai trasporti della città metropolitana, Nino Olivieri ed il vice sindaco metropolitano Valentina Ghio, ed hanno poi illustrato le ragioni della protesta ai sindaci riuniti per la conferenza metropolitana. Usb ha ribadito la propria contrarietà alla privatizzazione e alla vendita delle quote di SMC ad Autoguidovie. “Inaccettabili le modalità con cui si è arrivati a tale decisione e gravissimo il fatto che si consegni un azienda risanata con i sacrifici dei lavoratori e dei contribuenti ad un privato”, dice il sindacato. Per USB è necessario mantenere totalmente pubblico il servizio di trasporto. Al termine dell’incontro la città metropolitana si è impegnata a dare una risposta in tempi brevi, e ha convocato un nuovo tavolo di lavoro per la prossima settimana.