Apre tra un anno la residenza sanitaria di Recco

Ne hanno parlato sindaco e direttore della Asl
Ne hanno parlato sindaco e direttore della Asl

25 posti letto per riabilitazione dopo eventi patologici o interventi, accoglienza di pazienti anziani in fase terminale, ricovero per convalescenza: ecco a cosa servirà l’ex ospedale Sant’Antonio.

Sarà operativa entro la fine dell’estate 2017 la nuova residenza sanitaria assistita, allestita nell’ex ospedale di Recco. Lo annuncia l’amministrazione comunale, dopo l’incontro del sindaco, Dario Capurro, con il direttore generale della Asl 3, Luigi Carlo Bottaro.  “Siamo davvero molto soddisfatti per questo importante risultato raggiunto – dice Capurro – Si tratta di 25 posti letto che andranno a migliorare l’intera offerta sanitaria del Golfo Paradiso. Si tratta di un importante passo in avanti non solo per la Città di Recco ma anche per tutti i comuni limitrofi che potranno usufruire di servizi per la salute”. La struttura prevederà riabilitazione dopo evento patologico acuto qualora ci sia un potenziale riabilitativo, stabilizzazione clinica dopo evento acuto, accoglienza di pazienti anziani in fase terminale di vita qualora non sia possibile il ricovero in hospice, ricovero temporaneo per riabilitazione o convalescenza dopo fatto acuto in RSA Prima fascia.