Appartamenti affittati senza segnalazione: cinque denunce

Due delle case in questione sono a Pieve Ligure

Controlli dei carabinieri di Santa Margherita e segnalazioni tra Camogli e Pieve Ligure. E’ obbligatori trasmettere alla pubblica sicurezza i dati di chi si faccia alloggiare in casa propria.

Alla luce del momento internazionale e del pericolo di terrorismo, i carabinieri della compagnia di Santa Margherita hanno intensificato i controlli sull’affitto di appartamenti ad uso vacanze, che comporta l’obbligo di segnalare alle autorità i nomi delle persone alloggiate. Così, sono state segnalate, complessivamente, cinque persone. Due sono i proprietari di un appartamento ad uso turistico di Pieve Ligure, pubblicizzato sul web, che da aprile ospitavano persone senza comunicazioni alla pubblica sicurezza. Altri due sono proprietari di un secondo appartamento di Pieve, dove era alloggiato un gruppo di turisti russi. Infine, denunciata anche una ragazza di Camogli, classe 1993, che da maggio ospitava turisti senza comunicarne i dati anagrafici. Sommando queste denunce a quelle effettuate nei mesi scorsi, sono state coinvolte nove persone.