Ancora una truffa ai danni di anziani: vittima una pensionata di Lavagna

I carabinieri indagano sul fatto di Lavagna
I carabinieri indagano sul fatto di Lavagna

La donna ha aperto a due sconosciuti che si sono presentati come amici del marito. I due hanno rubato preziosi per un valore ingente. Indagano i carabinieri. Notizie di cronaca anche da Rapallo e Casarza Ligure.

E’ una piaga che non conosce fine quella delle truffe ai danni di anziani. L’ultima segnalazione in questo senso arriva da Lavagna, dove nella tarda mattinata di ieri una coppia di sconosciuti si è presentata presso l’abitazione di una pensionata, qualificandosi come amici del marito. Il quale, e probabilmente non è un caso, in quel momento era fuori casa. L’anziana ha fatto entrare i due nell’abitazione: la coppia ha distratto la donna e si è impossessata di vari preziosi, per un bottino di ingente valore. Solo nel pomeriggio l’anziana si è recata presso la locale stazione dei carabinieri per sporgere denuncia. I militari hanno poi effettuato un sopralluogo presso l’abitazione.

I carabinieri di Rapallo hanno arrestato ieri pomeriggio un minorenne romeno, con pregiudizi di polizia, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale della Spezia. Il giovane deve infatti scontare quattro anni di carcere per furti aggravati e danneggiamenti commessi alla Spezia tre anni fa.

Un pensionato di Casarza Ligure è stato denunciato dai carabinieri della stazione cittadina per “detenzione abusiva di armi e omessa denuncia di smarrimento armi”. Secondo quanto ricostruito dai militari l’anziano non ha denunciato il possesso presso la propria abitazione di un fucile mono-colpo ed inoltre ha omesso di segnalare lo smarrimento di altri due fucili che invece aveva in precedenza denunciato.