Ampliamento del porto: operazione da nove milioni

Il consiglio comunale voterà una variante al piano delle opere pubbliche che dà il via libera anche a case popolari e tribunale. Si apre uno scenario di grandi lavori pubblici a Chiavari. Il consiglio comunale convocato per martedì prossimo, infatti, prevede il voto sulla viariante alle opere pubbliche. Tra le opere previste, vi è l’ampliamento del porto turistico. Si procederà con il meccanismo del project financin: i privati dovranno prima progettare e poi realizzare (sono previti due concorsi distinti) un prolungamento a gomito della diga foranea e la realizzazione di un moletto interno allo specchio portuale, con i quali dare vita a 140 posti auto circa ed altrettanti posti barca. “I tempi non sono immediati, in base alle disposizioni di legge – dice il sindaco, Vittorio Agostino -, ma prevediamo che l’opera possa essere terminata a tre anni da oggi. L’impatto ambientale è praticamente nullo, tanto è vero che le spiagge non vengono nemmeno toccate. La speas per i privati dovrebbe aggirarsi sui nove milioni di euro, con ricavi, per la vendita dei posti, attorno ai quindici. La gestione sarà, poi, di competenza di Marina Chiavari, con evidenti vantaggi anche sotto il profilo occupazionale”.

Al contempo, la variante al piano delle opere pubbliche dà il via libera anche al bando di concorso per la costruzione delle case comunali in circonvallazione e del palazzo di giustizia. In tema di tribunale, si conoscerà la settiman prossima il nome della ditta incaricata della bonifica dell’area ex Italgas, lavoro la cui fine è prevista attorno a settembre, ottobre. Consecutivamente, dovrebbero partire i lavori di costruzione, assegnati con una gara unica ed in un lotto unico. Bando al via anche per la costruzione delle case.


Redazione Radio Aldebaran – www.radioaldebaran.it