Amministrazione Levaggi, per il PD deludenti i primi cento giorni

Mauro Ferretti, segretario del PD a Chiavari

Il segretario cittadino Mauro Ferretti e la capogruppo Alessandra Stagnaro contestano il sindaco su Colonia Fara, Colmata e traffico. E chiedono per il futuro strumenti di consultazione popolare.

Mancanza di progettazione e mancanza di idee innovative per Chiavari. Così il segretario cittadino del Partito Democratico Mauro Ferretti bolla la prima parte dell’attività amministrativa di Roberto Levaggi, divenuto sindaco ormai da più di cento giorni, anche se questo era l’oggetto dell’analisi proposta oggi dal PD. Ferretti e la capogruppo Alessandra Stagnaro non sono soddisfatti della politica seguita per la Fara: “Si poteva provare qualcosa di nuovo – dice il segretario – Una nuova destinazione d’uso rispetto al progetto di Agostino. E lo stesso per la Colmata, progetti finora non ce ne sono stati, e per il traffico cittadino”. In generale poi il Partito Democratico chiederà a Levaggi, ma prima ancora alle altre opposizioni, un’azione collettiva per cambiare le regole del gioco. “Non è possibile – spiegano Ferretti e Stagnaro – che le pratiche ai consiglieri comunali arrivino tre giorni prima dell’assemblea. Dovrebbero arrivare con quindici giorni di anticipo”. Il PD chiede inoltre strumenti di consultazione popolare, in primis il referendum. “Altrimenti – fa notare Ferretti – lo stile di governo è davvero lo stesso di Agostino”.