“Amareggiato per chi mi ha sostenuto. Mi prendo le responsabilità”

levaggi
Roberto Levaggi lascerà l’ufficio del sindaco

Le prime parole di Roberto Levaggi, dopo la sconfitta, che lui stesso definisce inattesa, specie con questo margine: “Andrò in consiglio comunale. Sul cemento ci hanno attribuito volontà non vere, specie per Preli”.

«Sono amareggiato non tanto per me quanto per le persone che mi hanno sostenuto in questa campagna elettorale e mi prendo tutta la responsabilità della sconfitta». Così Roberto Levaggi ha commentato l’esito delle elezioni amministrative di Chiavari, giungendo al point di Corso Colombo attorno a mezzanotte e venti minuti. Levaggi attribuisce la sconfitta soprattutto agli argomenti agitati dagli avversari durante la campagna elettorale, anche se aggiunge: «Questo pericolo di cementificazione con noi non c’era proprio». Sul futuro dell’amministrazione Di Capua commenta: «Certamente è un minestrone. Vedremo». Levaggi conferma, comunque, che andrà in consiglio comunale, sui banchi dell’opposizione, così come l’ormai ex vicesindaco, Sandro Garibaldi, che commenta: «Ci hanno attribuito volontà non vere e hanno fatto promesse pesanti, come quella sul depuratore, e questo ha pesato. Adesso li attendo al varco con quello che sapranno fare. Non mi consola essere il più votato: baratterei volentieri questo risultato con la vittoria del gruppo, anche se è un bagaglio che mi porterò per il futuro».