A Chiavari arriva il sistema che cerca e individua le targhe delle auto

Il comandante della municipale, Federico Luigi Bisso
Il comandante della municipale, Federico Luigi Bisso

Con un investimento di 6.800 euro, il Comune implementa il proprio sistema di videosorveglianza con appositi server e licenza software. Il nuovo impianto verifica anche coperture assicurative e revisioni. 

Chiavari si dota di un sistema in grado di cercare e verificare le targhe delle auto presenti in città. Integrativo dell’impianto di videosorveglianza massicciamente presente in città, l’impianto può rivelarsi fondamentale in caso di indagini di polizia amministrativa o giudiziaria, come precisa la stessa determina appena firmata dal comandante della polizia municipale, Federico Luigi Bisso. Il documento stabilisce una spesa di 6.800 euro, comprensivi di Iva, per la richiesta di fornitura di un server, che servirà anche all’accertamento delle coperture assicurative e dell’avvenuta revisione dei veicoli, una licenza software, due tablet con connessioni 3G per l’uso sul territorio da parte del personale di polizia municipale. Il fornitore è la Dls di Caperana, già fornitore e manutentore dell’impianto di videosorveglianza cittadino.