6,5 milioni di euro per ammodernare la stazione di Chiavari

Vertice tra il Comune di Chiavari e RFI

Gli interventi riguardano l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Incontro tra l’amministrazione di Chiavari e i referenti di Reti Ferroviarie Italiane per discutere il programma d’interventi di natura strutturale e tecnologica per favorire la mobilità e la fruizione dei servizi da parte di utenti con disabilità o a ridotta mobilità, all’interno della stazione ferroviaria. Hanno partecipato il sindaco Marco Di Capua, l’assessore ai lavori pubblici, Massimiliano Bisso, il direttore territoriale produzione di Rete Ferroviaria Italiana, Daniele Mari. L’investimento previsto è di circa 6,5 milioni di euro. Gli interventi hanno l’obiettivo di ammodernare e abbattere le barriere architettoniche della stazione con la riqualificazione del sottopasso e l’installazione di tre ascensori, al fine di garantire la completa accessibilità ai marciapiedi anche alle persone con ridotta capacità motoria. Tali interventi saranno avviati appena saranno disponibili i finanzianti necessari. «Nel corso della riunione, che si è svolta in un clima di condivisione d’intenti, abbiamo palesato i disagi e le lamentele che riceviamo da cittadini e turisti, inerenti all’accessibilità dei binari, del sottopassaggio e all’assenza di ascensori – spiega il primo cittadino Marco Di Capua -. Abbiamo inoltre definito un primo intervento per migliorare  la sicurezza  e l’accessibilità dei viaggiatori favorendo l’interscambio tra la stazione e i mezzi di trasporto pubblico: la fermata dell’autobus posta a destra dell’uscita su piazza Nostra Signora dell’Orto verrà arretrata di circa 4 metri, agevolando l’entrata con la creazione di una rampa d’ingresso». Di Capua ha manifestato la disponibilità del Comune a cofinanziare gli interventi generali di ammodernamento, mettendo subito a disposizione 400mila euro.