“30 all’ora ed un semaforo sulla curva attorno al santuario di Bacezza”

Il santuario di Nostra Signora dell'Olivo
Il santuario di Nostra Signora dell’Olivo

E’ la richiesta che il sindaco di Chiavari, Roberto Levaggi, ha diretto all’Anas. Sull’argomento, è polemica tra Roberto Devoto e Giorgio Canepa, che chiedeva un intervento diretto del Comune.

30 chilometri all’ora come limite di velocità e un semaforo: è la doppia richiesta che il sindaco di Chiavari, Roberto Levaggi, ha diramato all’Anas, in relazione al tratto di via Aurelia attorno al santuario di Bacezza. A riferirlo è il consigliere comunale di maggioranza Roberto Devoto, a seguito delle polemiche delle ultime ore sull’argomento. Dopo Emilio Cervini, infatti, anche Giorgio Canepa è tornato sull’argomento, ricordando le proprie proposte di varianti al piano delle opere pubbliche del Comune, tra cui l’inserimento di un progetto di messa in sicurezza dell’attraversamento pedonale prossimo al santuario e alla cava, con riduzione, per lo stesso importo, della manutenzione straordinaria della passeggiata a mare. “E’ stato un atteggiamento responsabile – replica Devoto per quanto riguarda il proprio voto – astenersi su un emendamento che riguardava un tratto di strada non di totale competenza del Comune”.